Home Blog Ferrovia Noto-Pachino: i festeggiamenti sono pubblici, ma anche i costi

Ferrovia Noto-Pachino: i festeggiamenti sono pubblici, ma anche i costi

Ferrovia Noto-Pachino: i festeggiamenti sono pubblici, ma anche i costi
430
0

NOTO – Tre giorni dopo la cerimonia di presentazione dei lavori propedeutici alla riapertura della ferrovia Noto – Pachino, tenutasi sabato 17/12/2022 nel piazzale interno della stazione FS di Noto ed al convegno, svoltosi sempre nella cittadina barocca, a Palazzo Trigona, cerchiamo di analizzare i fatti: siamo andati a vedere di persona quanto è accaduto, per aggiungere una testimonianza obiettiva ai commenti benevoli delle solite tifoserie e dei media amici.

In premessa, va detto che la città di Noto non ha risposto all’avvio operativo dei lavori di ripristino turistico della ferrovia dismessa come ci si sarebbe aspettato. Se alla cerimonia di presentazione non fossero state invitate le scolaresche, nel piazzale ci sarebbero stati non più di 50 presenti, in gran parte addetti ai lavori e tifoserie amiche. Sul palco solo dirigenti del vettore e gestore dell’infrastruttura oltre alcuni rappresentanti politici locali. Non pervenuti altri amministratori locali, ad esempio i rappresentanti dell’ex Provincia; particolarmente vistosa è risultata l’assenza del Comune di Pachino, che peraltro rimane lontanissimo dalla riqualificazione della linea che si ferma a meno di due chilometri dalla stazione di Noto.

A lavori conclusi (se li completeranno), nella migliore delle ipotesi, sempre che la Regione Siciliana li finanzi con fondi pubblici, i “treni storici” si vedranno solo nei fine settimana, al massimo nella bella stagione. Facendo due conti in croce, ed ipotizzando l’utilizzo delle stesse automotrici diesel ALn668 serie 1200 che abbiamo visto sabato scorso percorrere i primi 2 km di linea, al massimo troveranno posto sui convogli 136 viaggiatori; effettuando una seconda corsa, in totale si avrebbero 272 passeggeri al giorno o nel fine settimana.

Nell’ipotesi ottimistica di corse effettuate sistematicamente ogni fine settimana, totalizzando 52 corse nell’arco dei 12 mesi, si arriverebbe ad un massimo di 7072 viaggiatori. Se ci basiamo a quanto la Regione Siciliana ha speso nel 2019, per finanziare 52 treni storici in tutta la Sicilia si sono spesi 951.202,00 €, pari a 18.292,35 a treno.

Una cifra difficilmente giustificabile alla collettività per una ferrovia (turistica) quale la Noto – Pachino, dal momento che si tratta di soldi pubblici che potrebbero essere investite per promuovere il territorio con ricadute economiche superiori. Magari, per rimanere in ambito ferroviario, incrementando i collegamenti regionali, che vengono incredibilmente sospesi la domenica su tutta la tratta Siracusa – Noto – Ragusa, isolando completamente il territorio e rendendolo irraggiungibile a residenti e, giusto per rimanere in tema, anche ai turisti.

Se sono questi gli studi scientifici di ritorno economico decantati durante la cerimonia di presentazione dal direttore della Fondazione FS Italiane, Luigi Cantamessa, che ha dichiarato “per un euro speso nel biglietto del treno storico almeno tre ricadono sul territorio”, è legittimo nutrire più di qualche dubbio. Non soltanto per il costo per la collettività dei futuri treni storici, ma anche per i 40 milioni di fondi del PNRR che si stanno spendendo al fine di riaprire questa ferrovia a scopi esclusivamente “turistici”. Torneremo sull’argomento nei prossimi giorni.

Giovanni Russo, Associazione Ferrovie Siciliane
Roberto Di Maria, Sicilia in Progress

In anteprima un momento della presentazione nella stazione FS di Noto
Noto, 17 dicembre 2022 | Foto, Giovanni Russo

© Riservato ogni diritto e utilizzo

Ferrovie Siciliane è un’Associazione indipendente che espone argomenti di mobilità e infrastrutture con dati e esperienze dirette. Non riceviamo finanziamenti pubblici o privati per la gestione di questo blog cosi come di tutte le attività culturali, didattiche e di tutela. Sostienici attraverso una donazione con PayPal.

I contenuti presenti su questo sito web (a titolo puramente esemplificativo: testi, immagini, segni distintivi, file audio e video) non possono, né totalmente né in parte, essere riprodotti, trasferiti, caricati, pubblicati o distribuiti in qualsiasi modo senza il preventivo consenso scritto espresso di Ferrovie Siciliane.

(430)