Home Blog Ferrovia Alcantara-Randazzo, le facili promesse e l’ennesima illusione

Ferrovia Alcantara-Randazzo, le facili promesse e l’ennesima illusione

Ferrovia Alcantara-Randazzo, le facili promesse e l’ennesima illusione
154
0

MESSINA – Lo scorso 14/03/2024 si è svolta tra Taormina e Gaggi l’ennesima passerella che, a cadenze regolari, viene effettuata sul tema della riapertura della dismessa ferrovia Alcantara – Randazzo. Uno spettacolo al quale, ancorché invitati, come rappresentanti del Comitato pro ferrovia Valle Alcantara abbiamo deciso di non partecipare.

Siamo stanchi di proclami e promesse di cui abbiamo smascherato, in tempi non sospetti, tutta la vacuità. E vogliamo distinguerci nettamente da chi, ancora una volta, sta illudendo l’intera comunità della Valle Alcantara, con la complicità della Regione Siciliana e di qualche amministratore locale.

Vista attraverso i media, ci è sembrata ben poca la sostanza dell’evento, a nostro avviso un misto tra una gita delle associazioni amiche ed un comizio pubblico. Peccato che non ci fosse la banda musicale, come in occasione dell’altra discutibile inaugurazione del primo chilometro della dismessa ferrovia Noto – Pachino avvenuta il 17/12/2022.

Abituati come siamo alle solite dichiarazioni degli “addetti ai lavori”, veri o acquisiti per l’occasione, non abbiamo colto nulla di interessante sul futuro della ferrovia, che grazie ai lavori in corso sarà riaperta per soli 13 km su 37, ma solo come “ferrovia turistica”. Ovvero destinata, per chi non lo sapesse, soltanto ai treni storici e non a quelli che percorrono quotidianamente la rete ferroviaria ordinaria, offrendo un servizio indispensabile, oltre che sostenibile, a milioni di viaggiatori e pendolari in tutta Italia. La nostra attenzione si è soffermata soltanto su una dichiarazione, che riteniamo degna di approfondimento.

Nel servizio andato in onda il 15/03/2024 al TGR Sicilia, Carmelo Rogolino, Dirigente dalla DTP Sicilia di RFI, ha infatti dichiarato che per l’eventuale futura attivazione di regolari servizi ferroviari “la linea dovrà essere implementata con sistemi di sicurezza adeguati”.

Ci chiediamo a questo punto quali siano i sistemi di sicurezza adottati nelle “ferrovie turistiche” desumendo, da quanto abbiamo sentito, che essi non siano gli stessi di quelli in uso nelle ferrovie ordinarie. Ipotizziamo, in tal senso, una differenza notevole: per riaprire una ferrovia chiusa dal 1994, ovvero da 30 anni, come l’Alcantara – Randazzo, occorrerebbe intervenire su opere civili che non hanno ricevuto nessuna cura manutentiva per un periodo così lungo. È per questo che, a suo tempo avevamo anticipato che lo stanziamento annunciato per la riattivazione come linea turistica sarebbe stato insufficiente. In particolare, sarebbe bastato appena alla sostituzione dell’armamento ed al rinnovo della massicciata.

Proprio quello che, a quanto pare, si sta facendo sulla ferrovia Alcantara – Randazzo. Non abbiamo avuto modo di verificare nello specifico, visto che al nostro Comitato non è stato dato accesso al progetto: con apposita nota del 05/08/2022, il Comitato pro ferrovia Valle Alcantara, ribadendo, a RFI la precedente richiesta di informazioni del novembre 2021, ha chiesto specificatamente l’accesso agli atti amministrativi sul progetto di ripristino. Non ricevendo alcuna risposta.

Forse perché si sta lavorando in “accordo quadro” come sulla ferrovia Noto – Pachino, ovvero come se si trattasse di normali lavori di manutenzione?

Tutto quello che vediamo, e viene mostrato sui media, sembra proprio indicarlo, e ci lascia molto perplessi. Siamo preoccupati soprattutto per la condizione delle opere d’arte, vale a dire ponti e gallerie, che sulla linea non sono roba da poco. In particolare, proprio sulla tratta interessata, ricadono l’altissimo Ponte San Cataldo con le sue 14 arcate e diverse gallerie. Per avere un’idea, i 37 km di linea comprendono ben 10 viadotti, per una lunghezza complessiva di oltre 1,2 km, e 6 gallerie, lunghe poco meno di 3 km.

Per una riattivazione della linea come ferrovia ordinaria, d’altronde, un preventivo ce lo abbiamo, e riguarda proprio il tratto di linea ferrata Alcantara – Gole Alcantara: 40 milioni di euro del 2017. Se i lavori in corso costeranno “soltanto” 19 milioni (del 2024), ciò significa che si sta spendendo meno della metà di quanto serviva per una linea ordinaria con tutte le norme di sicurezza nel 2017. Ma nel frattempo sono passati 7 anni nei quali, tra pandemia e crisi bellica, i prezzi sono cresciuti ben oltre il previsto.

Ci auguriamo, ad ogni modo, che l’esiguità dell’intervento non comporti deroghe sulla perfetta funzionalità delle opere civili. Anche se pochi e “di nicchia” gli utenti delle ferrovie turistiche sono pur sempre esseri umani, ovvero quegli stessi soggetti tutelati dalle inderogabili, e molto ferree, norme di sicurezza richiamate dal funzionario RFI per i trasporti ferroviari di ogni giorno.

A proposito: qualcuno ci chiederà dove abbiamo preso la stima di cui sopra. Ce la fornì ad una nostra conferenza tenutasi a Giardini Naxos il 10/03/2017 sempre il Direttore della DTP di RFI Sicilia, Carmelo Rogolino.

Ad ogni modo, ben venga il riapertura a scopo turistico, se propedeutico ad un ripristino a tutti gli effetti, mediante l’adeguamento di cui sopra. Peccato che nessuno abbia la più pallida idea di quanti e quali treni “turistici” far transitare su questa linea, dato che a metterci i “soldini” deve essere non certo Fondazione FS Italiane, o Rete Ferroviaria Italiana, ma, come al solito, Pantalone, nei panni, in questo caso, della Regione Siciliana.

Come avviene, ad esempio, per l’unica “linea turistica” la ferrovia Agrigento – Porto Empedocle, che proprio in questi giorni ci ha offerto i primi servizi del 2024: la bellezza di 10 corse spalmate in 2 giorni, in occasione della Sagra del mandorlo in Fiore. Ma la ferrovia ha funzionato anche tra agosto e dicembre 2023, sempre con fondi regionali: 8 corse in tutto, alla media di 1,6 al mese!

Chissà quanti turisti trasporta, ogni anno, una ferrovia “turistica” che lavora in questo modo, ovvero qualche corsa “una tantum” durante l’anno. E chissà se vale la pena spendere le cifre necessarie alla sua manutenzione per un ritorno, in termini turistici, che non può che essere impalpabile. Se, come tutto fa pensare, quella porzione di ferrovia tra Alcantara e Gole Alcantara dovesse subire lo stesso destino, saranno ben pochi i finestrini abbassati per “respirare i profumi di questa terra meravigliosa” come ha dichiarato, con la sua consueta, efficace retorica, Luigi Cantamessa, Direttore di Fondazione FS Italiane e Amministratore Delegato di FS Treni Turistici Italiani.

Quando, spendendo certamente di più ma con benefici enormemente superiori, si attuerebbe quello che a parole tutti vogliono, riportare il treno al centro del trasporto pubblico locale. Con meno retorica e più concretezza, a vantaggio di tutto il territorio della Valle Alcantara, che si verrebbe finalmente restituire quello che le apparteneva e che, purtroppo, nei tempi bui dei “rami secchi” le fu improvvidamente tolto. È proprio ciò che tutti i sindaci della valle, da Giardini Naxos a Randazzo, a seguito delle iniziative del Comitato pro ferrovia Valle Alcantara, chiesero espressamente ad RFI ed al Presidente della Regione con una nota inviata il 15/02/2022. L’attuale intervento per il futuro esercizio “turistico”, su un terzo soltanto della linea, ignora le richieste del territorio, privandolo di un sistema che, connettendolo adeguatamente alle principali reti di trasporto, lo sottrarrebbe all’isolamento e ne favorirebbe lo sviluppo.

Se ne gioverebbe, concretamente e non retoricamente, anche il turismo, al quale bisogna offrire infrastrutture e servizi che consentano di accedere al territorio in maniera comoda e regolare, come soltanto il treno può fare e come avviene nelle parti d’Italia dotate delle ferrovie più moderne. Quel nord in cui, magari, si respirano meno profumi ma che, incredibilmente, svetta ai vertici delle classifiche delle presenze turistiche, a differenza della Sicilia, fanalino di coda anche in questo caso; alla quale, ancora una volta, si offrono soltanto facili promesse ed effimere illusioni.

Il Comitato pro ferrovia Valle Alcantara è stato costituito il 06/06/2020 dall’Associazione Ferrovie Siciliane, presieduta da Giovanni Russo, e da Sicilia in Progress, rappresentata da Roberto Di Maria. La sua finalità è lo sviluppo della mobilità ferroviaria nella Valle dell’Alcantara, includendo la storica stazione FS di Taormina-Giardini. Un patrimonio che va tutelato attraverso sistemi di mobilità sostenibile che, partendo dalle infrastrutture esistenti, garantiscano lo sviluppo mantenendo il rispetto del territorio. Un “ponte” tra la provincia di Messina e Catania con il centro della Sicilia.

Comitato pro ferrovia Valle Alcantara

In anteprima il banner realizzato per la presentazione all’interno della stazione FS di Taormina – Giardini
Taormina, 15 marzo 2024 | Foto, Train Hunters (Fabio Nuzzaci)

© Riservato ogni diritto e utilizzo

Ferrovie Siciliane è un’Associazione indipendente che espone argomenti di mobilità e infrastrutture con dati e esperienze dirette. Non riceviamo finanziamenti pubblici o privati per la gestione di questo blog cosi come di tutte le attività culturali, didattiche e di tutela. Sostienici attraverso una donazione con PayPal.

I contenuti presenti su questo sito web (a titolo puramente esemplificativo: testi, immagini, segni distintivi, file audio e video) non possono, né totalmente né in parte, essere riprodotti, trasferiti, caricati, pubblicati o distribuiti in qualsiasi modo senza il preventivo consenso scritto espresso di Ferrovie Siciliane.

(154)