Home Blog La ferrovia incompiuta Santo Stefano di Camastra – Mistretta – Nicosia
La ferrovia incompiuta Santo Stefano di Camastra – Mistretta – Nicosia

La ferrovia incompiuta Santo Stefano di Camastra – Mistretta – Nicosia

698
0

In un periodo storico ancora oggi molto discusso, in Sicilia stavano per essere costruite delle dorsali ferroviarie per collegare il versante nord con il centro e sud dell’isola: una serie di linee trasversali, che avrebbero tratto fuori dal secolare isolamento numerose località e promosso il loro sviluppo sociale ed economico, consentendo una mobilità ferroviaria tra i capoluoghi più veloce ed efficace.

Una di queste linee avrebbe dovuto essere la Santo Stefano di Camastra-Mistretta-Nicosia, che si sarebbe ricongiunta alla ferrovia Alcantara-Randazzo proseguendo verso le Madonie e Piazza Armerina, ovverosia una seconda dorsale ferroviaria interna che avrebbe collegato tutti i grandi centri con i paesi delle catene montuose dei Nebrodi e delle Madonie.

Della ferrovia Santo Stefano di Camastra-Mistretta-Nicosia oggi rimane pochissimo, non soltanto per via del fatto che il tempo ha cancellato l’infrastruttura, ma perché di questa sfortunata linea ferrata sono stati costruiti solo pochi chilometri, oltre che qualche ponte e casello, che ancora oggi è possibile vedere percorrendo in parte la ferrovia Messina-Palermo e la parte iniziale della SS 117, e che oggi grazie alle foto realizzate dall’amico Gaetano Curasì siamo in grado di mostrarvi in esclusiva.

In copertina il rudere di un casello ferroviario
Santo Stefano di Camastra, 1 luglio 2020 | Foto, Gaetano Curasì

© Riproduzione riservata

(698)