Home Blog Pendolino in Sicilia a costo zero, la proposta dell’Associazione Ferrovie Siciliane

Pendolino in Sicilia a costo zero, la proposta dell’Associazione Ferrovie Siciliane

Pendolino in Sicilia a costo zero, la proposta dell’Associazione Ferrovie Siciliane
276
0

MESSINA – L’ETR 450 Pendolino ha festeggiato nel 2013 i 25 anni di servizio lungo le linee nazionali. Un traguardo che purtroppo sembra destinato a rimanere l’ultimo della sua brillante carriera, visto che proprio per la fine dell’anno Trenitalia ne ha previsto il definito accantonamento.

E’ noto come gli ETR di Trenitalia, Frecciabianca, Frecciargento, Frecciarossa e alcuni InterCity, siano impegnati giornalmente lungo le linee Alta Velocità e Alta Capacità nazionali, e solo la rete ferroviaria siciliana e sarda, e quindi i cittadini di queste grandi regioni, rimangono, inspiegabilmente, fuori da questi “prestigiosi” servizi.

Lungo la rete siciliana, cosi come stabilisce il CESIFER, struttura della Direzione Tecnica di Rete Ferroviaria Italiana, proprio gli ETR 450 sono gli unici elettrotreni ammessi a circolare nell’infrastruttura ferroviaria con il Rango C, che prevede per questa tipologia di rotabili articolati o bloccati velocità anche superiori ai 160 km/h.

Le linee siciliane che già oggi, senza alcuna spesa per l’infrastruttura ferroviaria, hanno la circolabilità per gli ETR 450 sono la Messina – Catania – Siracusa (velocità massima per il Rango C 150 km/h) e la Messina-Palermo (velocità massima per il Rango C 180 km/h).

Si inserisce su questo solco la proposta della nostra Associazione, la quale, per evitare che si perda l’ennesimo “treno” che potrebbe migliorare il servizio offerto a viaggiatori e pendolari siciliani, auspica che gli ETR 450 ancora quotidianamente in servizio tra Reggio Calabria e Roma (convogli 4 – 10 – 12), insieme a quelli già accantonati nella stazione di Reggio Calabria Centrale (convogli 6 – 7 – 9 – 13), ma ancora funzionanti, siano attenzionati e trasferiti in Sicilia per essere posti in linea lungo la dorsale ionica e tirrenica dell’isola. Ciò al fine di ottenere, a “costo zero”, treni molto più confortevoli e veloci di quelli attuali, nonché relazioni con tempi di percorrenza nettamente più ridotti.

Ad esempio, calcolando le prestazioni dell’ETR 450 con quelle dell’infrastruttura esistente si evince che, i circa 180 km che separano Messina da Siracusa si potrebbero percorrere in 90 minuti circa (velocità media 120 km) effettuando una fermata intermedia a Catania, mentre i 220 km che dividono Messina da Palermo si potrebbero percorrere in 110 minuti circa (velocità media 120 km) sempre con una fermata intermedia a Sant’Agata di Militello, tutto questo sempre in grande sicurezza e sotto l’occhio vigile dell’SCMT (Sistema Controllo Marcia Treno).

Caratteristiche ETR 450
· Anni di costruzione: 1985 – 1992
· Anni di esercizio: 1988 – oggi
· Quantità prodotta: 15 convogli
· Costruttore: Fiat Ferroviaria, Ercole Marelli
· Potenza oraria: su 8 elementi 5568 kW
· Potenza continuativa: 5008 kW
· Alimentazione: 3 kV cc
· Velocità massima omologata: 250 km/h
· Velocità massima in esercizio: 220 km/h
· Capacità: 390 posti (126 di 1ª classe + 264 di 2ª classe)
· Lunghezza complessiva: 226.700 mm (9 elementi)
· Composizione: BAC + BBc + BBP + BAP + R + BAP + BBPc + BB + BAC

In anteprima un ETR 450 utilizzato come InterCity tra Reggio Calabria e Roma Termini
Villa San Giovanni, 31 ottobre 2013 | Foto, Giovanni Russo

© Riservato ogni diritto e utilizzo


Ferrovie Siciliane è un’Associazione indipendente che espone argomenti di mobilità e infrastrutture con dati e esperienze dirette. Non riceviamo finanziamenti pubblici o privati per la gestione di questo blog cosi come di tutte le attività culturali, didattiche e di tutela. Chiunque può sostenerci attraverso una donazione con PayPal.

(276)