Home Ferrovia Siracusa – Gela – Canicattì

Ferrovia Siracusa – Gela – Canicattì

La ferrovia Siracusa – Gela – Canicattì è una linea della Sicilia sud-orientale gestita da Rete Ferroviaria Italiana (Ferrovie dello Stato Italiane) aperta a tratti e che vide il suo completamento nel 1893 con la chiusura dell’armamento tra Comiso e Genisi.
Lunga 263 km e con 20 stazioni/fermate aperte al servizio viaggiatori, interamente a binario unico, partendo da Canicattì, diramazione per Caltanissetta e Agrigento, collega alcuni importanti centri abitati come Gela, diramazione per Catania  (sospesa dal 2011 tra Gela-Caltagirone e dal 2017 tra Caltagirone-Lentini Diramazione), e Ragusa, attraversando la Val di Noto fino a giungere a Siracusa passando dal moderno scalo di Siracusa Pantanelli.
Per molti decenni la linea ha avuto un forte traffico passeggeri e merci, a tal proposito è importante citare gli scali di Comiso, Vittoria e Santa Teresa Longarini, oggi le sue rotaie sono percorse solo da treni regionali espletati dalle automotrici ALn668 serie 1000/3000. A seguito dei lavori di semplificazione e aggiornamento degli impianti tecnologici e sicurezza conclusi nel 2016 sono tornate a transitare le ALn501 Minuetto.
In treno è possibile raggiungere le principali città del Barocco Siciliano: le stazioni di Noto, Scicli, Modica e Ragusa sono ubicate nel centro città.
L’orario ferroviario di Trenitalia 12/2017 – 06/2018 nei giorni festivi non prevede collegamenti ferroviari in tutta la linea.

Caratteristiche
· Stazioni/Fermate aperte al servizio viaggiatori: 20
· Lunghezza complessiva dei binari: 263 km
· Linea ferroviaria in esercizio: 263 km
· Linea a doppio binario: 0 km
· Linea a semplice binario: 263 km
· Linea non elettrificata: 263 km
· Linea elettrificata: 0 km
· Alimentazione: trazione termica
· Scartamento: 1450 mm
· Sistemi di sicurezza: SCMT, SCC 
· Rotabili: ALn501, ALn668, D445

(Dati aggiornati 01/01/2018)