Home Notizie La tradotta della DUFERDOFIN NUCOR di Giammoro
immagine-duferdofin-nucor-20120410-la-tradotta-della-duferdofin-nucor-di-giammoro-800

La tradotta della DUFERDOFIN NUCOR di Giammoro

47
0

In Sicilia, oltre ai tradizionali servizi ferroviari per i passeggeri, se pur in flessione rispetto a pochi anni fa, tutt’oggi si effettuano un discreto numero di treni merci. Garantiti dalla divisione cargo di TRENITALIA con l’ausilio di locomotive e rotabili del Gruppo FS, in prevalenza si occupa del trasferimento dei carri ferroviari tra i raccordi industriali nazionali agli stabilimenti della rete siciliana, garantendo alle aziende la ricezione delle materie prime o l’invio delle proprie lavorazioni.

Una delle industrie siciliane che maggiormente movimenta convogli ferroviari è l’acciaieria DUFERDOFIN NUCOR di Giammoro (ME), che genera quasi quotidianamente un buon numero di carri pianale carichi di blumi, billette e profilati in prevalenza provenienti dall’acciaieria di San Zeno (BS), che fa parte alla medesima società, o dal porto dela città di Messina, terminal della navi cargo che trasportano sempre le loro lavorazioni.

Questo video, girato il 10 aprile 2012, documenta la manovra della locomotiva MAK tipo V60 del 1959 (ex DB) oggi della SERFER di Genova, impegnata nel trasferimento di alcuni carri FS tipo “Rgmms” in uscita dal raccordo industriale dell’acciaieria siciliana per attestarli ai binari di scalo della stazione ferroviaria di Pace (linea Messina – Palermo).

Conclusa la tradotta, questi saranno presi in carico dal personale di TRENITALIA, e la locomotiva ripercorrerà a ritroso il medesimo raccordo per tornare nei binari interni dello stabilimento industriale.

Giovanni RUSSO

aaa

(47)

FERROVIE SICILIANE

Ricevi i nostri aggiornamenti via Telegram. Iscriviti al canale.

Accetta
Chiudi