Le navi traghetto per la Sardegna

Le navi traghetto delle Ferrovie dello Stato, oggi in forza alla società Bluvia, divisione navigazione di Rete Ferroviaria Italiana (Gruppo Ferrovie dello Stato), dal 1 ottobre 1961, quando la nave Tyrsus (prima unità appositamente costruita per la flotta sarda) fece il suo primo viaggio inaugurale ed apri ufficialmente la rotta tra Civitavecchia (Roma) e Golfo Aranci (Sassari), hanno trasportato in servizio regolare fino al 2001, rotabili ferroviari, mezzi gommati e persone tra il Continente e la Sardegna, permettendo un grande sviluppo economico e turistico dell’isola dei 4 mori.

L'invasatura di Golfo Aranci a servizio delle flotta FS.

Negli anni, la crescente domanda di trasporto, ha richiesto un’incremento delle unità navali e non sono stati rari i casi in cui dallo stretto di Messina furono inviate navi traghetto in sussidio, tra queste, la permanenza pù lunga è stata per la nave ”San Francesco di Paola” che rimase distaccata tra il 1974 e il 1982. Meritevoli di nota sono l’arrivo della nave ”Espresso Corinto” noleggiata dalle FS dalla Trans Tirreno Express nell’estate del 1977 e il sussidio della nave ”Iginia” trasferita dallo Stretto nell’estate del 1978.

La nave traghetto "Tyrsus" in partenza da Golfo Aranci

Dopo un breve periodo in cui il servizio ha avuto un momento di flessione dovuto all’arrivo delle compagnie private, negli anni 90 le FS con una forte campagna promozionale e pubblicitaria rilanciarono il servizio con importanti risultati. La privatizzazione delle Ferrovie dello Stato e il progressivo accantonamento e demolizione delle navi in servizio determinarono una forte riduzione dell’offerta, fino ad arrivare al 2001 quando venne cessato il trasporto di passeggeri. Dal 2001 al 2009 il servizio è stato limitato al solo trasporto delle merci di carri ferroviari.

La nave traghetto delle FERROVIE DELLO STATO "Gallura" ormeggiata al porto di Civitavecchia.

Della flotta FS a servizio della rotta sarda, oggi rimane solo la nave ”Logudoro” attestata nel porto di Napoli e non utilizzata dal 2008, anno in cui si alternava nel coprire le 115 miglia (circa 213 km) con la nave ”Garibaldi”. Quest’ultima, costruita nel 1985 ad esclusivo trasportare di carri ferroviari su 4 binari in 3 ponti, è stata dismessa nel 2009 e trasferita in Turchia tra il 24 e il 25 marzo 2010 per essere demolita.

Oggi il servizio marittimo con la Sardegna, viene svolto a ”chiamata” tra l’impianto di Messina Marittima e Golfo Aranci con l’impiego alternato della navi traghetto ”Scilla” e ”Villa”.

Impianti a terra
– Civitavecchia: 1 invasatura con ponte ferroviario mobile
– Golfo Aranci: 2 invasature con ponte ferroviario mobile

Le navi
– Tyrsus (1961-2002)
– Hermaea (1962-1999)
– Gennargentu (1965-2000)
– Gallura (1969-2002)
– San Francesco di Paola* (1964-2004)
– Garibaldi (1982-2010)
– Logudoro** (1988)

*  La nave, in prestito dall’impianto di Messina, è stata impiegata permanentemente tra il 1974 e il 1982.

** Unità trasferita a Messina il 05/08/2011

Copyright © 2011 FERROVIE SICILIANE