Siglato l’accordo affinché lo Stretto di Messina diventi patrimonio UNESCO

Intensa mattinata quella vissuta oggi a bordo della nave traghetto Messina, messa a disposizione da Rete Ferroviaria Italiana, per l’incontro dei sindaci di Messina, Reggio Calabria, Villa San Giovanni e dell’area metropolitana dello Stretto di Messina, per sottoscrivere l’accordo preliminare affinché lo Stretto diventi patrimonio dell’umanità e dell’UNESCO.

A bordo dell’ammiraglia di RFI, diversamente allestita per gli oltre 600 ospiti che hanno preso parte allo storico incontro, è stato possibile ammirare le bellezze paesaggistiche delle località del canale che divide Sicilia e Calabria per una rotta straordinaria appositamente studiata per l’evento. Durante la navigazione, iniziata alle 09.30 e terminata alle 13.30, i presenti sono stati allietati da momenti culturali e musicali. A seguire quelli gastronomici con le migliori specialità della tradizione di Messina e Reggio.

Noi di Ferrovie Siciliane, anche per i tanti precedenti che ci legano alla nave Messina, non per ultimo l’aver chiesto e ottenuto da RFI che la nave portasse l’attuale nome, non potevamo mancare all’appuntamento. Per la speciale occasione, negli spazi tra il salone principale e quello di poppa, abbiamo voluto esporre le più rilevanti foto della mostra fotografica e documentale Sulle rotte del Mito, già proposta nel 2011 a Messina nel Sacrario di Cristo Re.

Intorno alle 12.30, al centro dello Stretto di Messina, le autorità presenti hanno siglato l’accordo per chiedere, appena saranno tangibili tutti i fattori indicati nel protocollo, il riconoscimento dell’area dello Stretto come patrimonio dell’UNESCO. Accordo sottoscritto anche dalla nostra Associazione e da altre che hanno avuto l’onore di essere presenti a questa straordinaria occasione.

Giovanni Russo